Tenete duro: revitalizzare i vostri obiettivi

All’inizio di ogni nuovo anno, è facile sentirsi pronti a intraprendere un percorso che punti a migliorare la salute, la forma fisica e il controllo del peso. Tuttavia, a poche settimane di distanza dal cambiamento di stile di vita, non è raro che la determinazione e persino l’autodisciplina siano già in declino. Ma fatevi coraggio: dedicare un po’ di tempo a rivedere, valutare e ridefinire gli obiettivi può dare i suoi frutti in termini di motivazione e capacità di successo.

Fate il punto dei progressi compiuti… e siate giusti con voi stessi

Che stiate cercando di realizzare un cambiamento nello stile di vita, raggiungere obiettivi di controllo del peso o intraprendere un nuovo programma di allenamento, il segreto per tenere alta la motivazione sta nel monitorare i progressi compiuti.  Per alcune persone il timore è la possibilità di non aver raggiunto gli ambiziosi obiettivi inizialmente prefissi. Non riuscire a raggiungere quel che si ritiene uno standard può indurre a sentirsi demotivati e con molta probabilità a rinunciare prematuramente al cambiamento di stile di vita.

Se tuttavia adottate un atteggiamento flessibile, con margini di libertà per regolare e affinare gli obiettivi di stile di vita, potreste scoprire che i traguardi iniziali erano terribilmente ottimistici o eccessivamente severi. Ricordate che c’è un’enorme differenza tra un obiettivo impegnativo e uno impossibile. Puntare a quest’ultimo è la ricetta per la sconfitta e la demoralizzazione.

Un esempio lampante è il caso del controllo del peso per il nuovo anno. Quando si rivedono gli obiettivi è importante non solo essere buoni con se stessi ma anche essere realistici. Ad esempio, non rimproveratevi per non aver raggiunto il peso o il risultato di forma fisica che vi eravate prefissi e riconoscetevi invece il merito per i progressi compiuti. Anche aver fatto un solo passo nella direzione giusta è un buon motivo per festeggiare.

Chiedetevi se gli obiettivi iniziali non siano stati troppo ottimistici. Ammettete le difficoltà incontrate e servitevene per pianificare i successi futuri. Dopo tutto, se l’obiettivo è perdere o mettere su qualche chilo, è davvero così importante realizzarlo in un mese o tre? Rivedere e ridefinire gli obiettivi non è un fallimento: significa piuttosto essere realistici di fronte agli sforzi compiuti fino a quel momento.

Colpevolizzarvi per il mancato raggiungimento di un obiettivo iniziale è inutile: fare il punto della situazione e rivedere gli obiettivi tenendo conto dei progressi compiuti è una strategia molto più positiva e anche molto migliore per la vostra salute mentale.