l’agricoltura biologica migliora la vita delle donne

Be Bold For Change (l’audacia di cambiare) è la tematica portante della Giornata Internazionale della donna di quest’anno (celebrata in tutto il mondo l’8 marzo). Si tratta di un cambiamento che sta aiutando le donne nei paesi in via di sviluppo a raggiungere quella parità di guadagno, influenza ed opportunità che tale giornata mira a promuovere.

 

Aiutare le donne ad acquisire una propria indipendenza economica è una concezione ben nota a governi, agenzie per lo sviluppo ed enti di beneficenza, poiché rappresenta il modo più efficace per la donna di godere di sé stessa, dei suoi familiari più stretti e della comunità in cui vive.

 

Spesso il modo più semplice per raggiungere tale scopo è inquadrare il ruolo che la donna ha tra le mura domestiche. Nei casi di donne con un’educazione limitata, che necessitano di rimanere a casa per i propri figli, può essere difficile effettuare questa sorta di cambio audace che migliorerebbe le loro vite. Una piccola superficie di terreno, insieme a qualche utensile, semi, e corsi su come iniziare a coltivare verdura, legumi e frutta, può rappresentare la spinta di cui queste donne hanno bisogno.

 

Da un piccolo seme. . .

Le donne possono cominciare a lavorare il terreno coltivando del cibo in più per le proprie famiglie. Essendo più nutriente e vario, tale cibo può apportare miglioramenti rapidi alla loro salute. La grande differenza si presenta quando la produzione diventa maggiore di quanto la sua famiglia riesca a consumare. In questa circostanza, quindi, le donne, spesso con i loro figli, possono iniziare a vendere il cibo agli altri abitanti del villaggio o ai mercati locali.

 

Questo processo permette loro di guadagnare fiducia in sé stesse ed indipendenza economica. Ed è proprio questo il momento in cui queste donne possono davvero iniziare a fare cambiamenti grandi e positivi per la propria vita e quella delle proprie famiglie.

Può essere il loro primo vero assaggio di indipendenza, che le renderà orgogliose della capacità di trasformare le sorti della propria famiglia.

 

Studi condotti dall’OCSE mostrano come le donne siano più propense a investire i redditi extra per il bene delle proprie famiglie. Cercano di ottenere quei

cambiamenti audaci che possano garantire alle loro famiglie, e soprattutto ai loro figli, una vita più lunga, più sana e più ricca di opportunità per imparare e progredire.

 

. . . può crescere una vita migliore

In questo modo hanno la possibilità di pagare una migliore assistenza sanitaria, come le vaccinazioni contro le malattie infantili più comuni o l’assistenza di ostetriche esperte  durante la gravidanza e il parto. Scelgono di migliorare la salute della famiglia modernizzando le proprie case, magari sostituendo i tetti di paglia con quelli in metallo che contribuiranno a tenerla al caldo per tutto l’anno, o costruendo un bagno privato. Scelgono di dare ai propri figli la migliore infanzia possibile, assicurandosi di fornire loro una buona istruzione pagando le tasse, i libri e le divise.

 

Quando una donna inizia a lavorare insieme ad altre all’interno di cooperative e ad unire con queste le proprie competenze e risorse, è in grado di estendere a tutta la comunità i vantaggi per la salute, la stabilità e il futuro. Inoltre il reddito extra generato da tale collaborazione può apportare cambiamenti enormi alla collettività.

 

I vantaggi del biologico. . .

Uno dei cambiamenti più audaci che molte donne e cooperative dei paesi in via di sviluppo stanno attuando è la sostituzione delle coltivazioni convenzionali con quelle biologiche.  Questa scelta non avviene soltanto per via dei benefici che tale tipo di coltivazione reca alla salute, ma anche perché rappresenta un modo migliore di lavorare il terreno.

 

Coltivare biologico significa:

  • Spendere meno in semi poiché si possono acquistare da agricoltori o commercianti locali
  • Conservare i semi di un raccolto per far crescere quello dell’anno successivo anziché comprarne di nuovi, geneticamente modificati, ogni anno
  • Non spendere nulla per fertilizzanti chimici, ammendanti e pesticidi
  • Evitare i danni all’ambiente o la contaminazione delle risorse idriche locali causati dalle sostanze chimiche
  • Lavorare il terreno con metodi quali la rotazione delle colture o l’accompagnamento alle coltivazioni, che favoriscono il risparmio dell’acqua, la reintegrazione del suolo e la salvaguardia della fauna selvatica
  • Non utilizzare più sostanze chimiche nocive per la salute

 

. . .  per le donne e per il mondo

Queste donne scelgono l’agricoltura biologica perché sanno che è migliore per loro, per la loro comunità e per l’ambiente. Anche l’ONU è concorde: in uno studio del 2008 si afferma che “l’agricoltura biologica può favorire la sicurezza alimentare in Africa in misura maggiore rispetto ai sistemi produttivi più convenzionali, ed ha inoltre più probabilità di essere sostenibile a lungo termine.”

 

Ciò significa che le donne possono continuare a migliorare la salute, l’alimentazione e l’educazione dei propri figli, sia maschi che femmine, allo stesso modo. Di conseguenza, le loro figlie cresceranno con competenze e capacità per raggiungere la propria indipendenza economica e godere delle stesse opportunità dei loro fratelli senza l’aiuto di organismi esterni.

 

Come sostenere Be Bold For Change

Se volete aiutare le donne in tutto il mondo a raggiungere la parità, dovrete, per prima cosa, effettuare il vostro cambio audace.

 

Se vi interessa il biologico: Provate a sostituire alcuni dei vostri acquisti ordinari con prodotti biologici, preferibilmente quelli del commercio equo dei paesi in via di sviluppo. Forse avranno un costo maggiore, ma in cambio sosterrete le donne nell’agricoltura.

 

Se vi interessa il tema delle donne nell’agricoltura: Devolvete una parte dei vostri guadagni alla sponsorizzazione di progetti per lo sviluppo specificamente rivolti alle donne nell’agricoltura: Lifeplus Foundation, World Vision e Plan International sono esempi affidabili.

 

Se vi interessano tutti gli aspetti del progresso delle donne verso la parità: Donate il vostro tempo ad un ente di beneficenza che si occupa di sviluppo femminile, fate da guida alle donne che si trovano agli inizi o sperimentate altre proposte disponibili sul sito web della Giornata Internazionale della Donna: www.internationalwomensday.com

 

#BeBoldForChange

 

 

186x186_microsite_Mar2017