Il potere degli antiossidanti

Gli antiossidanti sono decisamente sulla cresta dell’onda nell’alimentazione moderna. Negli ultimi anni in particolare, sono aumentati i dibattiti circa i loro effetti, i potenziali benefici e il ruolo che svolgono nella nostra alimentazione quotidiana.

La domanda è: gli antiossidanti hanno avuto un successo così repentino al punto che molti di noi li conoscono genericamente, ma non nei dettagli? E perché sono diventati un tema di grandissima attualità?

Per rispondere a queste domande è innanzitutto necessario capire cosa sono gli antiossidanti e da cosa ci proteggono, ovvero dallo stress ossidativo.

Cos’è lo stress ossidativo?

L’ossigeno interagisce con tutte le cellule presenti in natura, siano esse all’interno o all’esterno di un organismo. L’esempio più semplice ci viene da una fetta di mela: la polpa esposta, reagendo con l’ossigeno nell’aria, diventa di colore marrone. Questo processo è noto come “ossidazione”; in effetti, è lo stesso processo che fa arrugginire la carrozzeria di un’auto.

L’ossidazione è un processo completamente naturale ed estremamente importante. Se vi procurate un taglio, l’ossidazione fa in modo che le cellule morte vengano sostituite da quelle nuove, per cui il taglio guarisce gradualmente.

Il termine “stress ossidativo” indica uno squilibrio tra la produzione di radicali liberi e la capacità del corpo di contrastarne gli effetti nocivi.

I diversi tipi di antiossidanti

Gli antiossidanti sono tipi di nutrienti ed enzimi che contribuiscono a favorire la salute, riducendo considerevolmente il rischio di malattie croniche. Lo fanno combattendo i radicali liberi prodotti dall’ossidazione.

Gli antiossidanti non sono tutti uguali, ma ne esistono di diversi tipi. Possono essere solubili (cioè si sciolgono) in acqua o nei grassi. Entrambi i tipi sono importanti, poiché possono essere entrambi attaccati dai radicali liberi.

Gli antiossidanti idrosolubili includono la vitamina C e i polifenoli (antiossidanti derivanti in particolare dalle piante), mentre quelli liposolubili includono la vitamina A, la vitamina E, i carotenoidi e l’acido lipoico.

È possibile prevenire lo stress ossidativo?

Alcuni degli effetti dello stress ossidativo possono essere contrastati. Difficilmente il corpo produce un numero sufficiente di antiossidanti da combattere tutti i radicali liberi, per cui potete fare la vostra parte nell’agevolare il processo. Cercare di evitare alcune delle cause della formazione dei radicali liberi può essere utile, così come fare una dieta sana che preveda tanti alimenti contenenti antiossidanti.

Vale la pena ricordare che siamo spesso circondati da numerosi fattori ambientali che ci espongono ai radicali liberi, come l’inquinamento atmosferico, il fumo del tabacco, le tossine; anche stancarsi o stressarsi tanto al lavoro o a casa può ridurre la capacità del nostro corpo di combattere lo stress ossidativo. È impossibile prevenire tutti questi fattori, ma, prestando semplicemente un po’ di attenzione in più, è possibile ridurne gli effetti, giorno dopo giorno.

Le fonti di antiossidanti

Uno dei metodi più semplici per ottenere più antiossidanti è attraverso una dieta sana e nutrizionalmente equilibrata, che comprenda molta frutta e verdura fresca di vari colori.

Svariati cibi freschi sono ricchi di antiossidanti e dovrebbero essere aggiunti alla propria dieta. Ecco alcuni esempi:

  • Pomodori: sono ricchi di licopene (che dà loro il caratteristico colore rosso).
  • Carote: sono ricche di beta-carotene antiossidante (che dà alle carote il loro pigmento arancione distintivo).
  • Broccoli, porri, uova, fragole e semi di girasole: sono tutti ricchi di vitamina A.
  • Mele, mirtilli, peperoni, crescioni, banane, lamponi e spinaci: sono buone fonti di vitamina C.
  • Mandorle, more, cereali integrali, sgombri, cavoli e noci: sono buone fonti di vitamina E.
  • Anguria: è un’ottima fonte di licopene.
  • Agrumi, come arance, limoni, lime e pompelmi. Tra gli altri, questi ultimi contengono sostanze fitochimiche salutari, come carotenoidi, limonoidi e terpeni.
  • Noci, crostacei, verdure verdi, fegato e cereali integrali: sono noti per essere utili fonti di selenio.

Anche le bevande sono importanti. Il tè verde è preferibile al tè nero, in quanto contiene un antiossidante chiamato “catechina”: per questo motivo, viene spesso acclamato come bevanda salutare. Anche il vino rosso è associato a proprietà antiossidanti; tuttavia, è bene consumarne un bicchiere di tanto in tanto e non una bottiglia alla volta!

Oltre a essere ottime fonti di antiossidanti, molti di questi alimenti sono utili per una dieta equilibrata, al di là del maggior numero di antiossidanti assunto.

Alcuni studi hanno indicato che le persone che mangiano in modo più sano, ovvero assumono molta frutta e verdura, corrono meno rischi di sviluppare gravi malattie, ad esempio malattie cardiache o ictus. Un buon livello di antiossidanti riduce anche i segni dell’invecchiamento. In realtà, sugli antiossidanti si sa meno di quanto si dovrebbe!

492900999small